Gli esordi di 4 grandi stilisti: come hanno iniziato a far carriera?

Siamo ormai abituati a considerare i grandi protagonisti della moda italiana come veri e propri divi, con le loro ville da favola, vite invidiabili e party di lusso.

Per alcuni di loro, però, la strada verso il successo è stata lunga: strada che, probabilmente, non avrebbero mai nemmeno pensato di percorrere.

Si inizia per gioco, e poi?

Dai cappelli ai tailleurs: voilà Madame Chanel

Coco Chanel è indubbiamente l’insuperabile regina della moda, una delle donne più eleganti di sempre, simbolo di stile e ricchezza. Si racconta che, nonostante avesse uno splendido appartamento in Rue du Cambon a Parigi, preferisse soggiornare al Ritz.

Coco Chanel, però, non è nata al Ritz, ma ha passato la sua infanzia in un orfanotrofio, dove ha imparato a cucire rammentando i calzini delle sue compagne. Da qualche parte bisogna pur iniziare.

Qual è stato il suo primo passo per diventare la stilista più famosa di sempre? Aprendo un piccolo negozio di cappelli in un quartiere poco noto di Parigi. Poi, aiutata dal suo stile contro corrente, la giovane stilista riuscì ad ampliare il suo mercato dai cappelli fino ai vestiti.

Fu soprattutto dopo la fine della Prima Guerra Mondiale che lo stile di Coco Chanel iniziò a riscuotere l’immenso successo di oggi. Uno stile che i suoi rivali (in particolare Paul Poiret e Elsa Schiaparelli) definivano “poveramente lussuoso”. Lei come rispondeva?

“Alcune persone pensano che il lusso sia l’opposto della povertà. Non lo è. È l’opposto della volgarità.”
– Coco Chanel

Una squadra di sci molto glamour: Emilio Pucci

Un’altra storia molto interessante è quella di Emilio Pucci, erede di una nobile famiglia fiorentina e grande campione di sci, tanto da partecipare nella squadra nazionale in occasione delle Olimpiadi Invernali del 1936. Come inizia la sua carriera da stilista? Disegnando le divise da sci per la sua squadra.

Incredibile davvero.

La storia ci dice che la squadra di sci italiana era talmente glamour che Pucci finì per trasferirsi a Firenze per portare avanti il suo grande talento, e diventare così uno dei nomi più noti della moda italiana.

Stilista per gioco: Yves Saint Laurent

Se Coco Chanel è stata la prima stilista capace di liberare il corpo femminile e dargli uno stile adatto alla nuova epoca, Yves Saint Laurent è stato sicuramente il suo erede. Un erede che proveniva da tutt’altro retaggio.

Nato nel 1936 nell’Algeria francese, crebbe negli agi di una famiglia abbiente. Fin da piccolo, però, gli affari gli erano sembrati qualcosa di troppo distante: preferiva dedicarsi per gioco a disegnare i vestiti per la madre e per le sorelle.

Si narra che fosse il loro stilista personale e che confezionasse a mano gli abiti per le grandi occasioni. E poi? Gli abiti indossati dalla signora Saint Laurent e di sua figlia piacquero così tanto nell’alta società francese che il giovane Yves venne assunto direttamente da Christian Dior.

Da commesso a Ralph Lauren

Ralph Lauren: sì, parlo proprio di lui, il celebre stilista delle magliette con il cavallino da Polo, vanto da sempre di grandi e piccini. Anche lui, come questi suoi colleghi, non è nato come il Ralph Lauren da noi conosciuto,  ma ha fatto invece gran fatica per arrivare a esserlo.

I suoi inizi? Sono quelli da commesso da Brooks Brothers, dove scopre di avere una gran passione per le cravatte e i vestiti eleganti.

Nel 1967, decide di fondare la sua etichetta Polo, che sarà caratterizzata da camicie button-down, giacche di tweed, camicie in denim e in chambray. E ora? Si dice che Ralph Lauren sia uno degli uomini più influenti al mondo. Basta guardasi intorno, in quanti indossano una Polo Ralph Lauren?

Fonte

E tu? da dove inizi per realizzare il tuo sogno?

Noi di Trondoli Group ti diamo l’occasione di creare il tuo campionario di moda!

Ci dedichiamo soprattutto a piccoli stilisti emergenti che hanno il forte desiderio di creare una loro linea di moda.

Noi crediamo in loro. Tu credi in noi!

LASCIA UN COMMENTO